Stai cercando di vendere un immobile ma nessuno si è interessato veramente al tuo annuncio, hai organizzato tantissime visite ma non ne hai conclusa alcuna. Come mai? In questo caso siamo sicuri che tu non abbia mai sentito parlare di home staging.

Forse non hai ancora trovato l’acquirente giusto, ma è possibile anche che il tuo immobile non sia abbastanza accattivante e interessante agli occhi dei visitatori.

Spesso bastano piccoli ritocchi o semplici interventi per rinnovare un immobile e non è sempre necessaria una ristrutturazione, rendendo così la struttura più attraente agli occhi del possibile acquirente. Alcune statistiche dimostrano che la scelta sull’acquisto viene realizzata nella mente del cliente nei primi 90 secondi della visita: quindi la prima impressione non può essere sprecata.

Non sei ancora iscritto a WeAgentz? Iscriviti ora e crea il tuo Profilo Agente per migliorare la tua reputazione online, grazie all’unica piattaforma in Italia completamente dedicata agli agenti immobiliari.

 

Ma se provassi con l’Home Staging?

L’Home Stager è una figura professionale nata sostanzialmente per contrastare gli effetti della crisi sul mercato immobiliare che, riadattata ai nostri gusti e alla nostra cultura del design e della casa, può essere di grande aiuto anche in Italia, in tempi difficili in cui vendere o affittare casa può diventare un’ardua impresa.

Si tratta di una serie di tecniche di recupero, creative design e marketing immobiliare, a basso costo, utilizzate al fine di migliorare e rilanciare immobili invenduti o sfitti; l’home staging è quindi uno strumento che aiuta gli agenti immobiliari a valorizzare un immobile con l’obiettivo di favorirne la vendita.

Il termine inglese infatti rende bene l’idea: “home” (casa) e “stage” (palcoscenico), ovvero si riferisce alla capacità di allestire un’abitazione per mostrarla al meglio.

Perché è utile la figura dell’Home Stager?

L’home staging viene utilizzato principalmente da agenti immobiliari come servizio complementare, con l’obiettivo di contrastare le difficoltà del mercato immobiliare e di allargare il proprio giro d’affari.

Questi interventi sono studiati fin nel minimo dettaglio per recuperare e rilanciare un immobile mediante miglioramenti a basso impatto ambientale e a basso costo, ma di altissimo impatto emotivo e visivo.

Lo Stager interviene solitamente senza interventi di ristrutturazione, sfruttando le potenzialità dell’immobile e nascondendo necessariamente i piccoli e grandi difetti, cercando di ottenere la massima resa con la minima spesa.

L’obiettivo è quello di sedurre a prima vista il potenziale acquirente di una casa, in modo che sia tendenzialmente portato a sorvolare su piccoli o grandi difetti della stessa.

Per esempio, un ingresso accogliente e caldo distoglierà l’attenzione dalle sue ridotte dimensioni; un bagno luminoso, ampio e ben organizzato farà sembrare poco importante il secondo bagno cieco; una porta finestra con vista spettacolare, se valorizzata, potrebbe avere la meglio su una zona poco luminosa. Gli accorgimenti sono davvero infiniti, ma attenzione a non esagerare, a volte è la semplicità a catturare l’attenzione dei visitatori.

Un occhio estraneo e che non conosca a memoria ogni angolo dell’immobile saprà cogliere in maniera più rapida e mirata pregi e difetti dell’abitazione, suggerendo piccoli interventi che potrebbero fare la differenza in un momento di stallo del mercato immobiliare in cui l’offerta supera nettamente la domanda.

Quali sono i vantaggi dell’Home Staging per l’agente immobiliare

Sempre più agenti immobiliari capiscono la validità e l’efficacia del servizio dell’home staging e sempre più di essi vogliono distinguersi dalla concorrenza per offrire un servizio diverso più professionale e più competitivo.

Ecco alcuni vantaggi:

La prima ricerca immobiliare viene fatta online. Se il vostro immobile si presenta bene avrete sicuramente più click e di conseguenza più visite. Non solo la sistemazione della casa è importante per venderla, ma un altro passo da fare per rendere al meglio l’idea di ciò che si sta mettendo sul mercato è fare delle foto che rappresentino il più fedelmente possibile colori, luci e spazi della casa. Questo è un vantaggio indiscutibile per l’agente immobiliare: potersi distinguere dagli altri al giorno d’oggi è un punto in più che l’agente può vantare rispetto ai concorrenti.

Una ristrutturazione ha tempi molto lunghi rispetto all’Home Staging. Organizzando bene il lavoro e studiando a fondo i locali per la scelta dei materiali da inserire, un intervento di Home Staging dura meno di una settimana. I tempi hanno un ruolo fondamentale per un agente immobiliare che vuole vendere o affittare una casa.

La spesa per un intervento di Home Staging è certamente inferiore rispetto a quella per una ristrutturazione. L’home staging è una risorsa e non un costo, proprio perché conferisce valore aggiunto all’immobile.

Come può un agente immobiliare diventare home stager

Lo strumento di home staging è fondamentale nel processo di promozione di un immobile, soprattutto nella fase di preparazione per la pubblicizzazione. E’ da sempre che si cerca di migliorare l’aspetto di un appartamento facendo una pulizia profonda, spostando l’arredo e sistemando al meglio l’ambiente, ma l’home staging fatto da professionisti è tutta un’altra cosa.

Diventare Home Stager è in realtà piuttosto facile, un po’ più difficile è diventare un bravo home stager. Infatti, a differenza degli agenti immobiliari, per intraprendere questa professione non occorrono ancora corsi e diplomi, ma basta svegliarsi la mattina e dire “Bene, da oggi voglio occuparmi di home staging”.

Fatto, ora sei home stager.

Ma farlo bene è un po’ più complicato: occorre esperienza, una buona attitudine alle relazioni con gli altri e molta perseveranza.

Come agente immobiliare, potresti iniziare a studiare l’immobile, sia esternamente che internamente. Non aver paura di spostare, pulire, o buttare via (con l’assenso del proprietario, ovviamente!). Lasciati guidare anche dall’istinto e dalle emozioni. Se fossi un probabile acquirente, cosa non vorresti mai vedere e cosa invece avresti piacere a trovare in casa?

L’home staging è ancora poco conosciuto in Italia, ma come agente immobiliare potresti davvero approfittare dell’utilità di questo servizio. Al momento in Italia non esistono regolamenti che disciplinano l’home staging come professione così come non esistono certificazioni che abbiano riconoscimento legale.

Nonostante questo, sono numerosi i corsi formativi attivi su tutta l’Italia per preparare all’attività. Non occorre un grosso investimento economico per iniziare questa professione, bastano un computer, un telefono e una macchina fotografica digitale. Quello però che dovete considerare è di spendere un po’ di soldi nella creazione di un vostro know-how, frequentando qualche corso e studiando qualche libro specifico. Il consiglio è quello di frequentare prima uno dei tanti corsi online gratuiti per diventare home stager.

Un agente immobiliare che fa home staging

Come abbiamo detto, la figura dell’Home Stager, già presente da oltre 20 anni negli Stati Uniti e nei paesi anglosassoni, si occupa di valorizzare e migliorare gli immobili in vista di una vendita o affitto con un budget ridotto e interventi poco invasivi e non strutturali.

L’obiettivo è quello di rendere l’appartamento neutro, non legandolo ad una personalità particolare e quindi rendendolo maggiormente appetibile all’interesse di un potenziale acquirente.

In genere gli interventi sono a basso impatto economico e vanno dalla riorganizzazione degli spazi alla razionalizzazione dei mobili e degli oggetti d’arredo presenti. È possibile prevedere inoltre piccole ristrutturazioni, tinteggiature delle pareti e la ricerca di accessori di arredo, oltre a preparare gli interni al servizio fotografico per la presentazione sul web.

I lavori portati a buon fine permettono di concludere le trattative in tempi notevolmente ridotti e rivalutare il valore dell’immobile mantenendo il prezzo di vendita stabile.

Non è necessario assumere per forza la figura dell’home stager, questo tipo di interventi sono comuni e possono essere comunemente svolti dall’agente immobiliare che si prende carico della vendita dell’immobile.

Il connubio è possibile!

Ti presenteresti mai ad un colloquio di lavoro in tuta e con le scarpe da ginnastica? Metteresti in vendita la tua auto senza prima averla pulita e lavata? Perché allora dovresti vendere la tua casa senza averla “preparata”?

Perché non ti conviene.

Un investimento di circa l’1% del valore dell’immobile permette di abbreviare i tempi di vendita e di aumentare il valore dell’immobile stesso: una casa più bella si vende meglio e in meno tempo.

L’home staging, unito all’esperienza di marketing e vendita di un agente immobiliare, può davvero ridurre i tempi di vendita di un immobile. Non tutti gli immobili sono uguali, non tutti gli agenti immobiliari sono uguali e nemmeno tutti gli home stager sono uguali, quindi ci saranno da una parte agenti immobiliari che si affideranno ad home stager esterni, e dall’altra agenti immobiliari dalla personalità poliedrica che si occuperanno in prima persona dell’estetica dell’immobile da vendere.

Dipende da te da che parte vuoi stare.

L’unica certezza è che un buon lavoro di home staging migliora la presentazione, in modo da dare efficacia alla promozione dell’immobile in vendita, lasciando le strategie di prezzo e posizionamento all’esperienza dell’agente immobiliare.

Sei un agente immobiliare? Crea ora il tuo Profilo Agente su WeAgentz, è gratuito!

Vuoi rimanere sempre aggiornato su come svolgere l’Home Staging all’interno delle attività della tua agenzia immobiliare? Seguici su Facebook, Twitter LinkedIn.


Condividi questo articolo con i tuoi colleghi per migliorare il tuo lavoro e quello del tuo team.